mercoledì 8 maggio 2013

non di solo cinema (vive l'uomo)

ricordo quelle belle facce giovani che non ho visto invecchiare, quei sorrisi spensierati e quelle speranze infrante. ricordo le grandi automobili sgangherate con i sedili di velluto, le panchine di legno, i ragazzini che al tramonto giocavano a pallone in mezzo alla strada, i bar malconci che non vendevano niente, i videogiochi neri e quadrati con davanti sempre la fila, i parchi ghiacciati di periferia splendere nella luce di gennaio, le stazioni dei treni sporche e trasandate, i bagni puzzolenti dove si spegnevano i cuori, l'avventura dell'ultima metropolitana che si perdeva sempre e poi c'era solo la città di notte con il suo popolo e le sue meraviglie, eravamo tutti nello stesso luogo, tutti ammassati nello stesso momento. e ci hanno uccisi.

(da estate crudele di alessandro bertante)
  
treninellanotte@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget