sabato 28 luglio 2012

monetine


rivers a milano

se siete interessati al mondo dei documentari, e soprattutto, al rapporto fra cinema e arti visive, segnatevi uno degli appuntamenti all'interno del milano film festival, in programma dal 12 al 23 settembre, perché verrà proposto il primo omaggio completo al filmaker inglese ben rivers, che presenterà il suo ultimo lavoro e terrà una lezione.

chi è ben rivers

se siete interessati, fra l'altro, il festival cerca ancora sottotitolatori e interpreti.

qui per saperne di più.

organizza esterni

da leggere - il cinema, in italia, cambia... sera: dal 4 ottobre, i film debutteranno in sala il giovedì. (ma io non vado mai alle prime. gli attori sono ancora poco affiatati. fate come me).


cosa c'è da vedere a milano-l'agenda di treninellanotte: take shelter, di nichols, solo lunedì al mexico

il bellissimo corpo celeste, di alba rohrwacher, lunedì 30 luglio in via porpora 45 per la rassegna sulla laicità.

gli ultimi cinque film di fassbinder all'oberdan, da lunedì: qui il programma

il programma delle arene estive milanesi



treninellanotte@gmail.com

chi va in bici a paderno?

tenete oliata la vostra bicicletta almeno fino a settembre: dal 16 al 22, la cineteca di milano partecipa alla settimana europea della mobilità, destinata a sensibilizzare i cittadini sull'uso della bici (ah ah ah ah ah... a milano, sembra una barzelletta sporca raccontata male). in quei giorni, chi si presenterà all'area metropolis di paderno dugnano (via oslavia 8) "pedalando",  potrà assistere alle proiezioni al prezzo di 3,50 euro nei feriali e 5 nei festivi. anche l'ingresso al museo del cinema di viale testi e alle sue proiezioni sarà scontato (3 euro).

mi permetto di far notare che avrebbe avuto più senso applicare lo sconto all'oberdan di viale vittorio veneto di milano (chi va in bici a paderno?). ma non si può avere tutto. i ciclisti sono come i cinefili: ogni tanto gli si butta là un osso spolpato e che non scassino le palle.

treninellanotte@gmail.com

venerdì 27 luglio 2012

un rifugio al messico

l'america ha paura: della crisi, della recente scoperta di quanto sia precario il suo benessere, del futuro, della vendetta della natura, forse di se stessa. lo racconta l'ottimo take shelter, di jeff nichols, premiato a cannes nel 2011 e uscito a milano nelle scorse settimane, purtroppo alla solita maniera clandestina. potete recuperarlo al mexico di via savona 57, per la rassegna dedicata al cinema indipendente, lunedì 30 luglio alle 21 (ingresso 5 euro). merita.

cosa c'è da vedere a milano-l'agenda di treninellanotte: il bellissimo corpo celeste, di alba rohrwacher, lunedì 30 luglio in via porpora 45 per la rassegna sulla laicità.
treninellanotte@gmail.com

giovedì 26 luglio 2012

monetine


come si dice anguria in arabo?

che differenza c'è fra le due locandine qui sotto?


annunciano lo stesso avvenimento, la proiezione di domani sera, venerdì 27, alle 21.30 di e ora dove andiamo?, della labaki, nei giardini di via odazio al lorenteggio (presso la biblioteca). preceduta, alle 20.30, da una merenda a base di anguria. l'ingresso è libero.



la particolarità è che il film viene proposto in arabo con sottotitoli italiani.

ecco una clip della pellicola.
l'evidente (e coraggioso) intento è radunare cittadini di lingua araba e creare un'occasione di integrazione, di socialità con gli italiani, attraverso il cinema. come accade per la tv - l'unica del villaggio - proprio nel film della labaki, che perfetto non è ma affronta, sotto varie chiavi, il tema della possibile, faticosa convivenza fra musulmani e cattolici (e della forza sofferta delle donne, già celebrata in caramel).

è l'ultima sfida degli organizzatori di scendi c'è il cinema e una delle avventure più curiose di questa estate cinefila a milano.


cosa c'è da vedere a milano-l'agenda di treninellanotte: cinema e ghiaccioli al museo di viale fulvio testi.

tredici cronenberg all'oberdan

treninellanotte@gmail.com

mercoledì 25 luglio 2012

è il momento di rivedere bis


we're movin' on up/to the east side/to a deluxe apartment in the sky/movin' on up/to the east side/we finally got a piece of the pie

(dalla sigla dei jefferson, movin' on up)

rivisti di recente, mi sono parsi come la pallacanestro degli anni '80. vagamente dilatati nei tempi e nei modi. ma, quasi quanto la pallacanestro degli anni '80, i jefferson hanno contribuito a segnare una stagione della mia vita. come george e mildred o i muppets (o superbasket...), sono stati un appuntamento fisso di mille pomeriggi e forse la prima lezione di sit-com: ingresso da destra, battuta, replica, controbattuta, risata registrata in sottofondo (quelle che facevano incazzare allen in io e annie: "ci sono le pernacchie?"), nuova battuta, risata più forte e applausi. c'erano lui, george, il ricco rifatto arrogante e ambizioso che oggi ci ha lasciato, la moglie comprensiva, gli amici lui bianco/lei nera, il vicino inglese, stupido come gli americani pensano siano stupidi gli inglesi. e, naturalmente, la cameriera petulante e la suocera velenosa. sullo sfondo, la catena di tintorie che ha reso tutti ricchi (e promette la fetta torta di cui parla la canzone sui titoli di testa) e le solite lezioncine morali che non mancavano mai.


poi, anni dopo, ho visto bamboozled, di spike lee, storia di uno sceneggiatore tv di colore che ripropone i minstrel show dell'ottocento, gli spettacoli in cui i bianchi si coloravano il volto da neri e si comportavano da stupidi selvaggi, scatendando risate. solo che, in questo film, ad andare in onda sono attori veramente di colore, in quella che all'inizio è una provocazione e poi diventa un successo travolgente e imbarazzante. con conseguenze letali... una riflessione sul rapporto fra mass media e razzismo, fra identità e rappresentazione dei neri in una black comedy (black nel senso inglese del termine...) girata quasi interamente in digitale, usando anche undici telecamere contemporaneamente.

bamboozled si conclude con il montaggio di spezzoni di film e sit-com e, tra quelle, anche i jefferson. simbolo, per il regista, di neri mandati in scena per far ridere i bianchi, mentre fanno di tutto per imitare proprio i modelli culturali dei bianchi (pur rivendicando il loro orgoglio nero, ma in un modo che, probabilmente, fa ancora più infuriare lee). per me, fu un piccolo choc. da che parte stare? da quella dei jefferson o da quella del regista barricadero di fa' la cosa giusta?

temo di non aver mai scelto. forse non sceglierò mai. anzi, stasera voglio scegliere. adesso scelgo. adesso scelgo. ah, no... il campanello... wizzy! florence! possibile che nessuno vada ad aprire!?!


cosa c'è da vedere a milano-l'agenda di treninellanotte film e ghiaccioli al museo del cinema di viale testi...

tredici cronenberg all'oberdan

all'anteo di via milazzo, sono ancora in cartellone l'estate di giacomo, di comodin e c'era una volta in anatolia, di nuri beige ceylan. meritano.



treninellanotte@gmail.com


è il momento di rivedere

no, non è la stessa storia, ma quando stamattina ho ascoltato la notizia alla radio, le meningi sono rotolate fino a là, a una delle mie fissazioni dentro la fissazione del cinema. dunque, alla perugina, viene garantito il posto fisso ai figli degli operai che accettano una riduzione di orario. figli, padri, fabbrica, sacrifici dei vecchi per il bene dei giovani, benessere dei giovani sulle spalle dei vecchi.

no, non è la stessa storia, ma ho pensato subito a risorse umane di laurent cantet (quel signore nella foto), in cui il primogenito di un operaio diventa manager, viene assunto nella fabbrica di papà e si trova davanti al problema dei tagli dei dipendenti. come papà. lo so, ne ho già parlato in passato, ma ho un pallino per questo regista sociale che racconta il rapporto fra l'uomo e il lavoro come in italia nessuno sa fare. e non dimenticherò mai il movimento della macchina da presa che sigla il finale di questo film, ricordandoci che dietro i posti ci sono le persone.


risorse umane viene proposto in tv martedì 7 agosto alle 21.15 da rai 5. non perdetelo.

cosa c'è da vedere a milano-l'agenda di treninellanotte: cesare deve morire dei taviani e il sorriso del capo, di bechis, in programma stasera dalle 21.45 all'ex paolo pini di via ippocrate 45

la tragedia di un uomo ridicolo, di bertolucci, all'arianteo, giovedì 26, in collaborazione con il milano film festival

all'anteo di via milazzo, sono ancora in cartellone l'estate di giacomo, di comodin e c'era una volta in anatolia, di nuri beige ceylan. meritano.

treninellanotte@gmail.com

martedì 24 luglio 2012

monetine


un ghiacciolo per me

siete ancora in tempo per fare un salto al museo del cinema di milano, in viale fulvio testi 121 e partecipare a cinema ghiacciato, una serie di proiezioni che hanno come denominatore comune, appunto, il ghiaccio. e che prevedono, in omaggio per ogni spettatore... un ghiacciolo. qui trovate il programma, che riprende giovedì 26 e nel quale segnalo, in particolare, la marcia dei pinguini, di jacquet, domenica 29 alle 18.30.

la sala del museo è ampia e moderna e il museo stesso merita un'ampia visita, non solo per le cineprese e le "lanterne magiche" che espone, ma soprattutto per la possibilità di accedere a un ricco archivio di filmati d'epoca, spot pubblicitari, brani di film su milano, pezzi rarissimi. e perché ci si può divertire creando locandine di film con i propri nomi o doppiando pezzi di pellicole celebri (e tutte le vostre "creazioni" si possono poi spedire gratuitamente via mail).

le proiezioni (senza ghiacciolo, credo...), proseguono nelle domeniche di agosto: segnalo appuntamento a belleville, domenica 5 alle 18.30.


cosa c'è da vedere a milano-l'agenda di treninellanotte: de oliveira "resiste" da due mesi al mexico con singolarità di una ragazza bionda

stasera alle 21 la prima cosa bella, di virzì, nel cortile di largo boccioni 10.

treninellanotte@gmail.com

lunedì 23 luglio 2012

al lido cronenberg

l'afa sintetica e il freddo inusuale di questa milano di fine luglio offrono le condizioni ideali per tuffarsi nel cinema di david cronenberg e nel suo mondo di ibridi, mostri, mutanti e allucinazioni, personalissimo horror sulla condizione umana. tredici film del cineasta canadese, dal più recente cosmopolis risalendo fino a rabid-sete di sangue, da a dangerous method su su fino a la zona morta, passando per inseparabili e il pasto nudo (foto sopra). la rassegna, realizzata in collaborazione con la cineteca griffith di genova, va in scena all'oberdan di viale vittorio veneto a partire da venerdì 27 luglio, proseguendo fino al 12 agosto.

qui trovate tutte le informazioni sui film in programma e il calendario completo.

cosa c'è da vedere a milano - l'agenda di treninellanotte: werner herzog stasera al mexico

la rassegna su cinema e laicità in via porpora

treninellanotte@gmail.com

domenica 22 luglio 2012

monetine


virzì tra i palazzi

fra presenze in tripla cifra, qualche imprevisto e gesti di solidarietà, prosegue l'avventura di scendi c'è il cinema, che gli abitanti della zona raccontano sulla pagina facebook dell'iniziativa. ma la moda ha preso piede e allora ecco che la formula viene riproposta in zona otto dove, martedì 24, nel cortile di largo boccioni 10, proietteranno la prima cosa bella, di virzì (il quale, nel frattempo, forse lo sapete, torna in sala il 12 ottobre con tutti i santi giorni, "il mio primo film senza cinismo", ci tocca purtroppo leggere).

l'ingresso è gratuito, si comincia alle 21, graditi i contributi per il rinfresco. il programma prosegue in settembre con burn after reading, piccola perla poco ricordata dei coen che, dietro una storia di spionaggio di serie z, tratteggia il ritratto di una generazione di 40-50enni falliti (il 3 settembre); match point di allen il 4, e ancora vai e vivrai di mihaileanu e saturno contro di ozpetek (il 10 e 11 settembre). burn after reading e vai e vivrai verranno però proposti in via appennini 94.

ma l'aspetto più interessante è lo spazio dedicato agli aspiranti registi che possono mostrare i loro corti prima delle proiezioni, caricandoli su chiavetta usb da consegnare a inizio serata.

organizza, fra gli altri, la coop sociale alekoslab

treninellanotte@gmail.com
Si è verificato un errore nel gadget